Il Club27 e altre misteriose scomparse

La morte nella musica

Archivio per il tag “27 anni”

Jim Morrison

James Douglas Morrison nació el 8 de diciembre de 1943 en Melbourne, Florida.

jim-morrison-hd-live-wallpaper-7-2-s-307x512

Debido al trabajo de su padre, su familia tuvo que mudarse varias veces, hasta que se trasladó a sus abuelos para frecuentar la universidad. De estudiante brillante y talentoso, impulsado por las lecturas continuas, se convirtió en un rebelde con un ánimo oscuro y su rendimiento académico redujo significativamente. Después de la universidad, su familia se estableció en California, en Los Angeles, y Jim se matriculó en la universidad, en la facultad de cinematografía. Allí conoció a Ray Manzarek que le propuso formar una banda después de escucharlo cantar. Así que pronto se unieron Robby Krieger a la guitarra y John Densmore a la batería y Morrison llamó el grupo The Doors, siguiendo el ejemplo de una línea de William Blake utilizada por Aldous Huxley en su ensayo “Las puertas de la percepción” sobre los efectos de la mescalina.

En 1956 a la banda se le ofreció un contrato por el sello discrográfico Columbia. Ellos empezaron a girar los clubes más famosos en el área de Los Angeles, y en uno de ellos, Jim conoció a la que más tarde llegó a ser su novia, Pamela Courson. Más tarde fue la Elektra Records que ofreció al grupo un contrato que incluía un compromiso de siete álbumes y la banda estuvo de acuerdo. Mientras tanto, Jim se fue a vivir con Pamela en Hollywood.

El 4 de enero de 1967 lanzó su primer álbum, homónimo, que fue un gran éxito, tanto que la banda realizó una gira nacional en la que Jim realizó extraños números. Por ejemplo, en la fecha de 9 de abril, Jim realizó su “número de la cuerda”, o sea caminar como un acróbata al borde del escenario; sin embargo, el número salió mal, y Jim cayó para tres yardas antes de acabar en la audiencia. Además, el 9 de junio, hizo girar el micrófono y golpeó al promotor del grupo en la cara. El 16 de junio, visiblemente borracho, empezó a desnudarse, pero fue detenido por tiempo, y al día siguiente, poniéndose el micrófono en la boca para producir un sonido extraño, se interrumpió el concierto. Fue apodado The Lizard King, El Rey Lagarto, por su interés en el mundo de los reptiles y la cultura de los chamanes. Sus actuaciones comenzaron a ser cada vez más salvaje e imprevisible, pero siempre de gran éxito.

En 1968 llegó el álbum Waiting For The Sun, que fue acogido favorablemente, al que siguieron varios conciertos. El 5 de julio, se realizó un concierto en el Hollywood Bowl de Los Ángeles, el evento rock del año, pero Jim, extrañamente, no se exibió en su números, concentrandose más en las canciones que estaba cantando, pero sólo ocho días más tarde, durante la etapa de Vancouver Canadá, cientos de fans se subieron al escenario para bailar con Jim en una extraña danza.jim-morrison (1)

En el verano de ese mismo año la canción Hello, I love you llegó a la cima de la clasificación, The Doors estaban a la cumbre de su éxito, y sus conciertos llevaban al público al borde de la emoción. Sin embargo, el abuso de alcohol por parte de Jim comenzó a afectar las actividades del grupo.

Comenzaron una gira por Europa y en los Estados Unidos, pero el concierto de Miami degeneró en una gran revuelta pública incitada por un Morrison borracho y visionario. Fue así juzgado y condenado por cargos menores, pero absueltos de los cargos de la embriaguez y la obscenidad. Este episodio, sin embargo, sancionó el declive de la banda. Se cancelaron varias etapas de la gira.

En julio de 1969 se lanzó su cuarto álbum, The Soft Parade, pero no tuvo mucho éxito. En esos días murió Brian Jones, el líder de los Rolling Stones, y Jim escribió un poema en su honor titulado “Ode to L.A. While Thinking of Brian Jones, Deceased” (Oda a Los Ángeles mientras que el pensamiento de Brian Jones, fallecido), que distribuyó al concierto en el Aquarius Theater en Hollywood a finales de julio. El 27 de julio, en el Pop Festival en Seattle, iluminado por un foco rojo, asumió la posición del crucifijo delante de un público desconcertado e incrédulo.

En 1970 salió Morrison Hotel, que contiene la famosísima Roadhouse Blues. Más tarde fue lanzado Absolutely Live, el cual contiene temas en vivo de sus actuaciones en el período 69-70.

El 23 de diciembre se realizó la última actuación pública de la banda, con Jim visiblemente alterado, que cayó varias veces al suelo dañando algunos de los objetos en el escenario. En el mismo periodo, Pamela Morrison se mudó a París y Jim decidió seguirla. Salió en abril de 1971 L.A. Woman, el último álbum grabado antes de la muerte del cantante.

Jim se mudó a París con la intención de dejar de beber y dedicarse exclusivamente a la poesía, pero el 3 de julio de 1971, a la edad de 27 años, murió en circunstancias todavía no claras en el hogar donde vivía con Pamela desde hace unos meses. Los miembros supervivientes de The Doors lanzaron dos álbumes más, antes de separarse en 1972. Pamela, su compañera, murió por una sobredosis tres años después de su compañero. Jim fue enterrado en el cementerio de Père Lachaise, en París, que con los años se ha convertido en un lugar de peregrinación de aficionados y turistas.

La muerte de Jim Morrison sigue siendo un misterio. Los informes médicos oficiales afirman que su muerte se produjo debido por un paro cardíaco en su casa, pero nunca ha habido alguna autopsia o un análisis sobre su cuerpo. Alguien sostiene que, de hecho, él todavía está vivo y que fingió su muerte para escapar de una popularidad que lo estaba asfixiando. De hecho, fue él mismo quien propuso fingir su propia muerte para desaparecer y también propuso sustituir su nombre con Mojo Risin para contactar a las oficinas una vez huido a África. Un asistente recuerda que Jim le preguntó una vez cuáles consecuencias tendría su falsa muerte.

Pero para aquellos que están convencidos de que él está muerto sigue el misterio que aletea sobre su desaparición. Su cuerpo se encontró sumergido en la bañera de su casa, pero muchos sostienen que es muerto en otro lugar por una sobredosis de heroína. De hecho, a menudo frecuentaba el Rock ‘ N Roll Circus, un lugar de reunión popular local para los adictos a la heroína. Otra cosa curiosa es que un camello confió a un amigo de Pamela acerca de la droga que le había vendido, preocupado de que Jim podría ser muerto por su culpa. Otra curiosidad radica en las declaraciones de el periodista Sam Bernett, un amigo de Jim, quien afirmó que en la noche del 3 de julio Jim estaba en el local y, después de beber y esnifar heroína, se había encerrado en el cuarto de baño. Media hora más tarde Bernett fue informada de que Jim todavía no había salido, así que echó abajo la puerta y lo encontró tirado en el suelo echando espuma por la boca, mezclada con sangre. Para ocultar lo que había ocurrido, el cuerpo fue traido a casa y sumergido en la bañera, que suele ser el primer lugar donde la víctima se lleva después de una sobredosis para tentar una reanimación. Alimentando esta tesis se agregan otras declaraciones. Un habitual que estaba presente esa noche, dijo que el cuerpo fue trasportado fuera del local a través de la salida posterior de la sala y también dijo que él sabía que el traficante de drogas que había suministrado la droga a Jim había afirmado que era 90% puro, cuando en realidad era alrededor de 20-30 %. Además, en los años siguientes, docenas y docenas de personas han dicho cómo Jim ha muerto en el baño del local, sin saber nada de la versión de un ataque al corazón en la bañera. Pero cualquiera que sea la causa de su muerte, lo cierto es que Jim desastrosamente se mató con sus propias manos.Travel Trip Famous Boneyards

Después de su muerte nació la idea de la llamada “Maldición de la J27 y el Club de los 27”, porque en el espacio de dos años, cuatro grandes artistas habían muerto en trágicas y misteriosa circunstancias y todos los cuatro a la edad de 27 años, alimentando entre los amantes de la trama, la creencia de que fueron “matados” por los poderes políticos, porque “molestaban”, fomentando a los aficionados por la abolición de la guerra de Vietnam, las leyes prohibicionistas y alimentando el movimiento del movimiento hippie de los años 60. La gente cantaba la libertad de pensamiento y la libertad personal de poder hacer y deshacer sus vidas, y por lo tanto han sido silenciados, para evitar un posible levantamiento de las masas.

Jim Morrison, con su voz sensual y cálida, que era una figura transgresora, encantadora, carismática y frágil al mismo tiempo, animaba a la gente a romper sus barreras mentales, para lograr un estado de libertad verdadera y absoluta.

Annunci

Janis Joplin

Janis Lyn Joplin nasce il 19 gennaio 1943 in un piccolo paesino del Texas, USA, chiamato Port Arthur.

Janis+Joplin+Janis

 Già ribelle fin dall’adolescenza, amava ascoltare canzoni delle cantanti blues nere di quegli anni. Lei, cicciottella e con l’acne, non si sentiva parte integrante di quel paesino che mai aveva veramente sentito suo, così, dopo aver racimolato un po’ di soldi, appena ventenne, fuggì. Andò a vivere a Huston dove cercò di frequentare l’università, ma senza successo, e intanto aveva iniziato ad esibirsi in qualche locale del posto. Incontrò un suo amico, che nel frattempo era diventato manager, il quale cercava una voce femminile per una band rock di San Francisco, e convinse Janis a farne parte e a trasferirsi in quella città. Così nasceva il primo gruppo con cui Janis si fece conoscere a livelli nazionali ed internazionali, i Big Brother and the Holding Company.

Janis comprò una casa enorme a San Francisco, precisamente nella zona di Larkspur, in Baltimore Avenue, ma divenne presto una specie di ostello pieno di gente che spesso la coinvolgevano in sbornie assurde. Già, perché nonostante avesse smesso di bucarsi dai tempi texani, lei amava molto bere.

La band si rivelò un enorme successo, e giravano tutti i locali della California per esibirsi. Furono poi chiamati per una performance al Monterey Pop Festival nel 1967, che sancì il trionfo di Janis.

Il loro album d’esordio, omonimo, fu di grande risonanza ed iniziarono così ad esibirsi in tutti gli Stati Uniti. Uscì poi, nel 1968, il loro secondo album, Cheap Thrills, che comprendeva una cover di “Summertime” di George Gershwin, ma la Joplin non sentiva che il gruppo fosse ben amalgamato musicalmente e, anche a causa di alcune cattive recensioni nei confronti degli altri membri della band, nel 1969 decise di abbandonarlo per seguire la strada della carriera solista.

Nello stesso anno prese parte al festival di Woodstock, condividendo apertamente l’ideale Peace&Love di quei famosi anni 60. Scelse come gruppo di accompagnamento la Kozmic Blues Band, che debuttò allo Stax Volt Christmas di Memphis, e con loro incise l’album “I Got Dem Ol’ Kozmic Blues Again Mama”, facendo anche un tour che comprese anche la famosa tappa di Francoforte, in cui invitò alcuni fan a salire sul palco per ballare e cantare con lei. La sua vita era ormai ad una svolta e, dopo aver trovato un fidanzato, decise di dare un taglio a tutto. Formò così, nel 1970, una nuova band, la Full-Tilt Boogie Band, che esordì a Pepperland, in occasione di una grande festa, e con loro incise un album che riscosse un enorme successo, Pearl, pubblicato postumo. ap080805021864

Il 4 ottobre 1970, appena sedici giorni dopo la morte di Jimi Hendrix, alle 18:00, Janis Joplin venne trovata morta nella stanza d’albergo del Landmark Hotel di Los Angeles, dove si trovava per delle registrazioni per il nuovo album. Nemmeno a dirlo, aveva 27 anni. L’ultimo a vederla viva fu il portiere notturno. Venne ritrovata incuneata tra il comodino ed il letto, con il naso rotto e la bocca piena di sangue, con 4 dollari e 50 centesimi in una mano, ed un pacchetto di sigarette ancora pieno nell’altra. Il coroner stabilì che il decesso avvenne intorno all’una e trenta di quella notte per un’overdose di eroina. Janis aveva ripreso a bucarsi. E il destino ha voluto che la sua ultima canzone s’intitolasse “Buried alive in the blues”, sepolta viva nel blues.

Myra Friedman, sua amica, ha scritto una biografia dal titolo Buried Alive in cui racconta che l’attacco doveva essere iniziato non appena Janis aveva sentito l’esplosione nelle sue vene, dopo che l’ago si era ritratto. Subito dopo mise l’involucro con l’eroina nella toeletta. Lo nascose dentro una scatola cinese che occultò dietro lo sciacquone. Di solito Janis lo lasciava sul comodino. Questo gesto potrebbe significare che per lei quella era l’ultima volta che si bucava e non voleva ricordarselo il mattino successivo. Questa volta aveva intenzione di smettere. C’è qualcosa nella magia del mattino. Una rinascita con la pallida alba blu. L’eroina nel suo sistema circolatorio avrebbe potuto ucciderla immediatamente. Ma non è stato così. Quando uscì nel corridoio non si rendeva conto che stava morendo. Chiese al portiere di cambiargli un biglietto da 5 dollari per le sigarette, che comprò subito dopo. Poi tornò in camera. Dopo aver chiuso la porta, fece appena uno o due passi e cadde, come un fantoccio scagliato per terra.

Janis fu cremata e il funerale ebbe luogo al Westwood Village Mortuary, a Los Angeles, il 7 ottobre 1970. Le sue ceneri vennero sparse nell’oceano Pacifico.

Janis Joplin resterà uno dei simboli del rock al femminile, una delle migliori interpreti bianche blues di tutti i tempi, con la sua voce inconfondibile, che diventerà un punto di riferimento per generazioni di vocalist a venire, da Patti Smith ad Annie Lennox, fino ad arrivare a Skin degli Skunk Anansie.

Jimi Hendrix

Jimi Hendrix, registrato all’anagrafe alla nascita come Johnny Allen Hendrix, nacque il 27 novembre 1942 a Seattle, USA. I primi anni furono molto difficili a causa del comportamento della madre, così Jimi venne affidato ad una famiglia afroamericana, i Champ. Il padre, Al, dopo il congedo si riprese il figlio e tentò di ricostruire quel poco che era rimasto del suo matrimonio, ma dopo tre anni e altri due figli, Leon e Joseph, i genitori di Hendrix si separarono definitivamente. Il complicato rapporto con la madre segnò Jimi per tutta la sua vita.

La madre morì il 2 febbraio 1958 a causa di una cirrosi epatica e così il padre gli regalò un ukulele; su questo strumento Jimi suonò le sue prime note. Di nascosto era solito suonare una chitarra che apparteneva ad un amico del padre e che, ubriaco, gliela vendette per 5 dollari. Jimi era mancino e la chitarra invece era per destri, ma questo non lo scoraggiò per nulla e imparò a suonarla alla rovescia, cosa che lo caratterizzerà.

Nel 1959 il padre gli regala una chitarra elettrica, e con quella inizia a suonare in diversi locali; i Velvetones sono il gruppo col quale fece il suo primo vero concerto. L’anno successivo gli rubarono la chitarra e il padre decise di regalargliela una nuova di colore bianco, che Jimi dipinse di rosso.

bw-jimi-hendrix

Venne arrestato due volte nel maggio 1961 perché trovato a guidare due auto rubate. Così fu messo di fronte alla scelta dell’arruolamento o della prigionia; scelse la prima opzione e fu mandato nel Kentucky, riuscendo ad ottenere la Screaming Eagle (L’Aquila Urlante), simbolo dei paracadutisti statunitensi. Si stancò molto presto però, e trovò il modo per essere congedato. Sotto le armi conobbe il bassista Billy Cox, e aspettò il congedo di quest’ultimo per riconciliare la band formata allora, i King Kasual. Cercarono fortuna a Nashville e la trovarono, incontrando “Gorgeous” George Odell, uno showman tuttofare; ma Cox rifiutò l’offerta di costui e Jimi invece lo seguì, diventando chitarrista per la band di accompagnamento.

Nei tre anni che seguirono, Hendrix girava tutti gli Stati Uniti, ma nel 1963 era deciso a dare una svolta alla sua carriera e così nel 1964 si trasferì ad Harlem, New York. Lì conobbe Lithofayne “Fayne” Pridgeon, che divenne la sua ragazza, e che lo aiutò a fornirgli tutto ciò di cui aveva bisogno. Grazie a Fayne, Jimi conobbe diverse persone dell’ambiente musicale di Harlem.

Il suo primo riconoscimento gli fu consegnato all’Apollo Theater come premio di un concorso per artisti emergenti, ma ciò con gli fruttò molto e per sopravvivere era costretto a portare la sua chitarra svariate volte al banco dei pegni.

Un periodo importante è quello del marzo 1964, quando venne reclutato come chitarrista dalla Isley Brothers Band, partendo per un tour lungo tutti gli Stati Uniti, toccando anche i locali del Chitlin’ Circuit. Passava così da una band all’altra fino a firmare un contratto per due anni, nel 1956, con la Sioux Records.

Stanco di quell’ambiente, lasciò Fayne e si trasferì al Village, ripercorrendo le orme del suo idolo, Bob Dylan. Si unì alla band Curtis Knight and the Squires, ma non durò molto, perché, non avendo una sua chitarra, era costretto a chiedere in prestito quella dello stesso Knight; finché la sua ragazza, Carol “Kim” Shiroki, gli fece una notevole donazione di denaro, grazie alla quale acquistò la sua chitarra preferita: la Fender Stratocaster.

Nel 1966 Jimi fondò la sua prima band, Jimmy James and The Blue Flames alias The Rainflowers, richiamando l’attenzione di tutta New York e di un personaggio in particolare: Frank Zappa. Fu proprio Zappa, infatti, a mostrargli le prospettive di un effetto per chitarra di nuova produzione: l’ormai famoso wah wah.

Il 1966 fu l’anno della svolta per Jimi, che fece la conoscenza di Linda Keith. I due divennero subito amici e Linda gli fece conoscere Chas Chandler che, assistendo ad un concerto nel quale Jimi cantò Hey Joe, si convinse di aver trovato un grande musicista da lanciare. Così Hendrix elaborò una sua versione di tale canzone e il risultato convinse ancor di più Chandler che decise di portarlo a Londra per scritturarlo. Venendo a conoscenza dei numerosi contratti firmati precedentemente dal chitarrista, Chandler si mosse per acquisire tutti i diritti legali in modo da ottenere l’esclusiva. Per convincere Jimi ad andare a Londra Chandler gli promise che avrebbe conosciuto un personaggio molto apprezzato dallo stesso Hendrix: Eric Clapton. Il passo successivo era quello di affiancargli musicisti adeguati, scegliendo la formazione del trio, e furono scelti Noel Redding al basso e Mitch Mitchell alla batteria.

Era appena nata la Jimi Hendrix Experience. jimi7_2x

Il primo brano messo su 45 giri fu proprio Hey Joe, per l’album “Are You Experienced?”, che riscosse un ottimo successo, ma la band doveva ancora farsi conoscere negli States, così, in seguito alla raccomandazione di Paul McCartney, il gruppo fu invitato al Monterey Pop Festival e fu presentato da Brian Jones. La performance fu un enorme successo e risuonò in tutti gli Stati Uniti; Jimi fece con la sua chitarra quello che in pochi riuscivano a fare, suonandola dietro la schiena, con l’asta del microfono e perfino con i denti. Alla fine dell’esibizione, per renderle omaggio, gli diede fuoco, la distrusse sbattendola a terra e lanciò i pezzi al pubblico. Quello che resta di quella chitarra è esposto all’Experience Music Project di Seattle.

Nel 1967 esce il secondo album Axis: Bold as Love, travagliato in quanto Jimi lasciò il lato A del disco sul sedile posteriore di un taxi e fu impossibile recuperarlo, così dovettero registrarlo nuovamente in un’unica notte. Inoltre, la spiegazione di come doveva essere la copertina non venne compresa dallo studio grafico, al quale Jimi aveva chiesto di inserire il tema indiano, in riferimento alle tribù dei pellerossa, rappresentando così la band nei panni di alcune divinità indù.

Travagliato fu anche il doppio album Electric Ladyland. Innanzi tutto ci fu l’abbandono da parte dello storico produttore di Jimi, Chas Chandler, a causa dei continui scontri col chitarrista per la lunghezza delle canzoni e per le registrazioni troppo improvvisate. Hendrix era ritenuto un perfezionista, infatti, la leggenda vuole che il brano Gipsy Eyes sia stato registrato ben 43 volte prima che trovasse una versione di suo gradimento. Inoltre ci fu l’abbandono anche da parte di Noel Redding, che in realtà era un chitarrista, perché spesso litigava con Jimi, e, sbollentando la rabbia con una boccata d’aria, tornando in studio, trovava la sua parte di basso registrata da Hendrix durante la sua assenza.

L’ultima esibizione del gruppo avvenne il 29 giugno 1969 al Bob Fey’s Denver Pop Festival, e fu segnata da scontri tra le forze dell’ordine e il pubblico, tanto che la band dovette abbandonare il palco e rifugiarsi nel rimorchio di un camion.

La performance che più è rimasta nell’immaginario collettivo è sicuramente quella di Woodstock del 1969. La sua esibizione divenne il simbolo del festival. Il chitarrista salì sul palco presentando la nuova formazione, ribattezzando il gruppo Gipsy Sun and Rainbows. In una prestazione di due ore quello che più ha colpito gli spettatori e l’opinione pubblica è stata la trasfigurazione chitarristica di The Star-Spangled Banner, inno nazionale degli Stati Uniti. Ha suscitato moltissime controversie il significato che Jimi voleva attribuire nell’esporre in quel modo l’inno nazionale, anche se a suo dire l’ha suonato così perché gli piaceva e basta.

Nacque così la Band of Gipsys, che pubblicò un album omonimo nel 1970, l’ultimo prima della morte del chitarrista. Il gruppo non ebbe vita lunga, però, poiché ad un concerto Jimi si presentò visibilmente sotto effetto di droga, insultando i fan e costringendo i suoi tecnici a portarlo fuori di peso. Ciò creò enormi tensioni all’interno del gruppo, che si sciolse drasticamente quella sera stessa.

Nel 1970 finirono i lavori per gli studi di registrazione voluti da Hendrix: gli Electric Lady Studios. Furono inaugurati il 26 agosto 1970 e per l’occasione ci fu una sostanziosa sessione che vide la registrazione dell’ultimo brano del chitarrista, Belly Button Window.

La mattina del 18 settembre 1970 Jimi Hendrix, venne trovato morto nell’appartamento che aveva affittato. Anche lui aveva 27 anni.

Exif_JPEG_PICTURE

Non c’è ancora una versione certa del suo decesso. Quello che ha dichiarato la sua ragazza, presente in casa quella sera, è che Jimi è soffocato nel suo stesso vomito dopo un cocktail di alcool e tranquillanti. Non appena uscì la notizia, l’appartamento fu saccheggiato da sciacalli in cerca di cimeli che gli erano appartenuti. Le sue spoglie furono sepolte nel Greenwood Memorial Park di Renton, a Seattle. Sulla lapide venne incisa anche la sagoma della sua chitarra, ma le continue incursioni di saccheggiatori e fan indussero il padre a rivalutare il posto di sepoltura, progettando così una specie di cappella monumentale di proprietà della famiglia in una zona marginale. Al Hendrix morì nel 2002, appena due mesi prima della fine dei lavori della cappella, così il feretro di Jimi venne deposto all’interno insieme con quelli del padre e della nonna. Seattle, la sua città natale, gli ha voluto rendere omaggio con una statua e un parco a suo nome.

Jimi Hendrix con la sua chitarra, la Fender Stratocaster, resterà nell’immaginario collettivo mondiale come il simbolo della rivoluzione giovanile e del flower power degli anni 60.

Navigazione articolo